I Guru degli investimenti: Warren Buffett

Warren Buffett è considerato l’investitore di maggior successo al mondo, e non è un caso che continuiamo a citarlo su diversi articoli del nostro blog.

Il valore contabile della sua società, la Berkshire Hathaway (BRK), è aumentato del 20,9% annuo tra il 1965 e il 2017. Ciò equivale a più del doppio del 9,9% di rendimento dello S&P 500 nello stesso periodo.

Secondo Forbes, Buffett è tra gli uomini più ricchi del mondo con un patrimonio netto di circa 91 miliardi di dollari. Patrimonio che non deriva dall’aver ereditato qualche impero industriale o dall’aver lanciato qualche start up di successo.

Buffett ha costruito la sua fortuna esclusivamente attraverso investimenti lungimiranti. Gli aspiranti investitori, quindi, trarranno certamente beneficio dallo studio dei suoi metodi.

Nel rapporto annuale del Berkshire del 1977, Buffett descrisse i principi centrali della sua strategia di investimento:

“Selezioniamo i nostri titoli azionari negoziabili nel modo in cui valuteremmo un’azienda per l’acquisizione nella sua interezza, vogliamo che il business sia:

uno che possiamo comprendere,

con prospettive a lungo termine favorevoli;

gestito da persone oneste e competenti e

disponibile ad un prezzo molto interessante. “

Buffett determina l’attrattiva del prezzo di un’azienda confrontandolo con la sua stima del suo valore intrinseco.

Fonte: Internet

Per determinare il valore, stima i flussi di cassa futuri della società e li scontra ad un tasso appropriato.

Lo sconto è necessario perché 1.000 dollari oggi valgono più di $ 1.000 ricevuti dopo un anno.

Se un investitore può guadagnare il 6% di interessi sul suo denaro, allora 1.000 euro oggi avranno un valore di 1.060 tra un anno.

Viceversa, un flusso di cassa atteso di 1.000 euro tra un anno avrà un valore oggi di 943,40 euro, poiché 943,40 investiti al 6% restituiranno 1.000 euro tra un anno.

Il metodo di valutazione basato su “discounted cash flows” è stato descritto da John Burr Williams nel suo libro del 1938, “The Theory of Investment Value”.

È utilizzato da innumerevoli professionisti dell’investimento, quindi l’approccio alla valutazione di Buffett non è un vantaggio competitivo in se.

Tuttavia, la capacità del guru di Omaha di comprendere il business meglio di altri investitori e di stimare i flussi di cassa futuri in modo più accurato è un vantaggio.

Qualcuno potrebbe pensare che un altro vantaggio competitivo sia costituito dalla sua intelligenza, ma lo stesso Buffett insiste sul fatto che un investimento di successo non richiede un alto QI; dipende più da una preparazione e disciplina.

Investire in ciò che si conosce

Il successo di Buffett risiede nella ricerca e selezione di aziende con vantaggi competitivi durevoli che rientrano nella sua sfera di competenza.

Se Buffett non riesce a capire il business di un’azienda, allora non tenta nemmeno di valutarla e non prende in considerazione di inserirla nel suo portafoglio.

Ad esempio ha evitato i titoli tecnologici alla fine degli anni ’90, in piena bolla Dot.Com ammettendo di non avere esperienza nel settore tecnologico.

D’altra parte, ha continuato a comprare azioni di aziende che conosceva bene e di cui apprezzava il modello di business, come ad esempio Coca Cola (KO).

Fonte: Internet

Anche se quello di investire in aziende che si conosce bene può sembrare un consiglio banale, la tentazione degli investitori di uscire dalla propria sfera di competenza è spesso molto forte e, nella maggior parte dei casi, diventa la ricetta perfetta per il disastro.

Durante la bolla Dot.com del 1999, il ritorno delle azioni Berkshire è stato per un periodo molto al di sotto del rendimento di mercato, e un certo numero di analisti finì per criticare Buffett per non essere stato in grado di cogliere quella opportunità.

Tuttavia, il guru di Omaha, ha dichiarato che non si preoccupa di perdere grandi rendimenti in aree che non capisce, perché gli investitori possono fare molto bene (come lui) semplicemente evitando grandi errori.

Ciò che più conta per gli investitori non è tanto quello che sanno, ma quanto realisticamente possono definire ciò che non sanno.

La prevedibilità dei risultati

Anche se un’azienda è facile da capire, Buffett non tenterà di valutarla se i suoi flussi di cassa futuri sono imprevedibili.

Vuole possedere aziende semplici e stabili che possiedono vantaggi competitivi sostenibili.

Fonte: Internet

Le società con queste caratteristiche hanno alte probabilità di generare flussi di cassa più elevati con il passare del tempo.

Senza queste caratteristiche, le stime di valutazione diventano molto incerte.

La sua grande partecipazione in Coca-Cola è un esempio perfetto del tipo di azienda che preferisce.

Coca-Cola ha più di 100 anni e ha venduto essenzialmente lo stesso prodotto durante tutta la sua esistenza.

La coca cola era la bevanda analcolica leader nel 1896 proprio come lo è oggi e sembra improbabile che i clienti cambino in futuro le loro preferenze in maniera drastica.

Buffett ritiene che il prodotto e il marchio Coca-Cola siano vantaggi competitivi duraturi che consentiranno all’azienda di guadagnare profitti economici per gli azionisti per molti anni a venire.

Dalla parte opposta invece, la tecnologia è un’industria in rapida evoluzione in cui l’azienda leader di oggi può essere estromessa domani dalle rivali più innovative.

I prodotti leader del mercato sono sempre vulnerabili all’obsolescenza.

Quindi, anche se Buffett avesse competenze tecnologiche, sarebbe riluttante a investire nel settore poiché non ha la certezza che i flussi di cassa di una società tecnologica possano essere materialmente più alti tra 10 o 20 anni, o perfino che l’azienda esista ancora.

Il fattore umano

Buffett cerca aziende con manager di talento che rimangano alla guida anche dopo l’acquisizione.

Sebbene abbia la facoltà di cambiare il management per le aziende che ha acquisito, Buffett ritiene che tale potere sia “un po ‘illusorio” perché “i cambiamenti di gestione, come i cambiamenti coniugali, sono dolorosi, lunghi e rischiosi“.

Buffett ricerca quindi persone che siano più appassionate al loro lavoro rispetto al loro compenso e che esibiscano energia, intelligenza e integrità.

Fonte: Internet

Quest’ultima qualità è particolarmente importante per lui, infatti sostiene che non sia possibile fare buoni affari con persone disoneste.

E infine… il prezzo

Una volta che Buffett ha deciso di essere in grado di valutare un’azienda, che l’azienda ha vantaggi sostenibili e che è gestita da manager eccellenti, allora deve ancora decidere se acquistarla o meno.

Questo passaggio è la parte più cruciale del processo, quindi merita la massima attenzione.

Il processo decisionale sembra abbastanza semplice: se il prezzo di mercato al valore intrinseco calcolato scontando i flussi di cassa, allora il titolo è un candidato per l’acquisto.

Tuttavia, ciò che sembra semplice in teoria è difficile nella pratica.

Il prezzo delle azioni di un’azienda si riduce di solito quando gli investitori lo evitano a causa di cattive notizie, quindi un acquirente di titoli a basso costo continua a nuotare controcorrente rispetto al sentimento popolare.

Persino gli investimenti che generano ottimi rendimenti a lungo termine possono comportare scarso rendimento per anni.

Lo stesso Buffett scrisse un articolo nel 1979 spiegando che le azioni erano sottovalutate, ma il mercato continuò a scendere per altri 3 anni.

La maggior parte degli investitori ha difficoltà a comprare quando sembra che tutti stiano vendendo, e allo stesso modo a continuare a credere nelle proprie posizioni quando il mercato continua a scendere.

Su questo punto Buffett non nasconde di essersi ispirato al proprio mentore Benjamin Graham e alla sua famosa parabola di Mr. Market.

Fonte: Internet

La cosa più importante da ricordare su Mr. Market è che offre il potenziale per realizzare un profitto, senza tuttavia darti indicazioni sul come.

Se un investitore non può valutare la propria attività meglio di Mr. Market, allora dovrebbe lasciare perdere il proprio business.

Pertanto, Buffett investe solo in attività prevedibili che capisce, e ignora il giudizio di Mr. Market (il prezzo di mercato giornaliero), tranne che per trarre vantaggio dagli errori di Mr. Market.

Riconoscere i propri limiti

Sebbene Buffett creda che il mercato stia spesso sbagliando sul valore delle azioni, non crede di essere infallibile.

Se stima il fair value di una società a 80 euro per azione, e le azioni della società vendono per 77 euro, si asterrà dall’acquistare nonostante l’apparente sottovalutazione.

Quella piccola discrepanza non fornisce un margine di sicurezza adeguato, un altro concetto preso in prestito da Ben Graham.

Fonte: Internet

Nessuno può prevedere con esattezza i flussi di cassa nel lontano futuro, nemmeno per le imprese stabili con vantaggi competitivi duraturi.

Pertanto, qualsiasi stima del fair value deve includere un sostanziale margine di errore.

Ad esempio, se il valore stimato di un titolo è di 80 euro per azione, un acquisto a 60 euro consente a un investitore di sbagliare del 25%, ed avere buone probabilità di ottenere in ogni caso un risultato positivo.

La differenza di 20 euro tra il valore equo stimato e il prezzo di acquisto è ciò che Graham ha definito il margine di sicurezza.

Buffett ritiene che questo principio del margine di sicurezza sia una delle fondamenta del successo.

Conclusioni

Trovare business comprensibili, con vantaggi competitivi sostenibili e manager eccellenti ad  un prezzo ragionevole non è mai impresa facile.

Per questo, il portafoglio di un investitore come Warren Buffett è spesso concentrato in relativamente poche società.

Questa pratica è in contrasto con la “Modern Portfolio Theory” insegnata nelle business school più prestigiose, ma Buffett rifiuta l’idea che la diversificazione sia utile per gli investitori consapevoli e informati.

Al contrario, ritiene che l’aggiunta della ventesima partecipazione preferita di un investitore rischia di abbassare i rendimenti e aumentare il rischio rispetto alla semplice aggiunta della stessa quantità di denaro alle principali scelte degli investitori.

Anche Bullsandbears condivide la filosofia di pensiero di Warren Buffett.

Siamo pienamente convinti che, come investitori, possiate ottenere rendimenti eccellenti seguendo gli insegnamenti e i principi del guru di Omaha.

Questo significa rimanere all’interno della propria sfera di competenze, concentrandosi su aziende con ampi fossati economici, prestando attenzione alla valutazione aziendale e non ai prezzi di mercato e, infine, assicurandosi un adeguato margine di sicurezza prima dell’acquisto.

Alla prossima!

 

2 commenti
  1. Bierlollo
    Bierlollo dice:

    Buffett rifiuta l’idea che la diversificazione sia utile per gli investitori consapevoli e informati. Ma di Buffett ne esistono pochi al mondo. Non ritenete che il 99% dei risparmiatori sia meglio comprare l’indice? Buffett stesso ha detto che alla sua morte gli eredi dovranno investire in un Etf a basso costo.

    Rispondi
    • Bulls and Bears
      Bulls and Bears dice:

      Ciao! E grazie per il tuo commento.
      È assolutamente vero che non tutti possono ottenere i risultati di Buffett. Ma lui stesso dice che il successo negli investimenti non è una questione di quoziente di intelligenza quanto piuttosto di preparazione, pazienza e costanza. Qualità che non tutti gli investitori possiedono.
      Come abbiamo affermato in alcuni nostri post, non siamo contrari alla diversificazione (e anzi la consigliamo) per coloro che non vogliono e/o non possono dedicare tempo ai propri investimenti (compresi gli eredi di Buffett se rientrano in questa categoria).
      E in questo caso un etf è assolutamente la scelta migliore, in termini di costi e di garanzia di replica dell’indice sottostante.
      Come team di bullsandbears, la nostra filosofia si basa su un approccio differente e forse più vicino alla visione di Buffett (senza voler fare paragoni scomodi o irriverenti).
      Ci piace pensare all’investimento come ad un processo di apprendimento continuo e di crescita in cui il rendimento è solo una parte della “ricompensa”.
      Vogliamo approfondire la conoscenza delle aziende in cui investiamo e del loro business, cercare di comprenderne i rischi e le opportunità, con l’intento di offrire a chi condivide la nostra stessa passione il nostro punto di vista, possibilmente originale e approfondito.
      Grazie ancora e continua seguirci!
      P.s. Complimenti per il tuo blog, siamo tuoi lettori!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *