I Guru degli investimenti: Benjamin Graham

I Guru degli investimenti: Benjamin Graham

Inauguriamo oggi una serie di post dedicato ai grandi investitori del passato.

L’obiettivo è quello di analizzare le caratteristiche e i concetti alla base del successo dei principali investitori di successo, per comprenderle meglio ed essere in grado di incorporarli nelle nostre strategie di investimento.

 

Benjamin Graham può essere forse riconosciuto come il “padre” moderno dell’analisi fondamentale. Oltre che un investitore di successo, Graham è stato un insegnante di successo. Per 28 anni è stato titolare di un corso presso la Columbia Business School per 28 anni.

Se aveste avuto la possibilità di frequentare uno dei corsi di Graham durante i primi anni ’50, avreste studiato su un libro di testo che è poi diventato la Bibbia per tutti gli investitori: “Security Analisys”, scritto da Graham stesso, insieme a David Dodd.

Ma soprattutto, avreste avuto come compagni di corso alcuni studenti che sarebbero a loro volta diventati investitori di successo: Warren Buffett, Bill Ruane, Tom Knapp e Walter Schloss.

Nel 1984, Buffett è tornato alla Columbia per tenere un discorso in occasione del 50 ° anniversario della pubblicazione di Security Analysis.

Durante quel discorso, ha presentato i risultati dei suoi investimenti insieme a quelli di Ruane, Knapp e Schloss.

Ognuno di loro ha ottenuto sul lungo periodo rendimenti di gran lunga superiori al mercato.

Buffett ha osservato che ciascuno dei portafogli variava notevolmente nel numero e nel tipo di titoli, ma ciò che non variava era l’adesione di ciascuno ai principi di investimento di Graham.

La buona notizia per voi, è che Graham ha reso gli stessi principi facilmente accessibili agli tutti gli investitori attraverso le sue pubblicazioni: oltre al già citato Security Analisys anche il classico “The Intelligent Investor”.

I principi alla base della filosofia di Graham

In “The Intelligent Investor”, Graham enuncia i principi che costituiscono la base dell’investimento value.

Gli investitori orientati al valore cercano di acquistare attività a prezzi sostanzialmente al di sotto del loro intrinsic value.

I principi di Graham possono essere considerati validi anche oggi e forniscono una mappa per tutti gli investitori che si approcciano al mercato azionario. Secondo Graham, tre sono gli elementi fondamentali:

1. Analisi approfondita
Lo abbiamo già ripetuto su altri post, le azioni non sono solo pezzi di carta o numeri elettronici sullo schermo di un computer, ma quote di proprietà in aziende che operano nel mondo reale.

Pertanto, è necessario analizzare a fondo l’attività sottostante e le prospettive del business prima di acquistare una azione.

Altrettanto importante – data l’infinita quantità di dati che fluisce dal mercato azionario su base giornaliera – è riconoscere le informazioni che devi ignorare o scartare. Ne abbiamo parlato QUI.

2. Sicurezza dell’investimento
Warren Buffett ama dire che le sue due regole di investimento sono:

1) Non perdere soldi

2) Non dimenticare la regola n.1.

Buffett ha senza dubbio ereditato da Graham la sua forte avversione alle perdite. Per avere successo nell’investimento, non è necessario trovare la prossima Apple o la prossima Google, ma è necessario evitare perdite significative.

3. Rendimento adeguato
Per Graham, un rendimento “adeguato” o “soddisfacente” significava “qualsiasi tasso di rendimento, comunque basso, che l’investitore è disposto ad accettare, a condizione che agisca con intelligenza ragionevole”.

Come investitori, scoprirete che il modo migliore è, a volte, possedere azioni ordinarie è attraverso un fondo comune a basso costo (o un ETF) che riproduce un indice di mercato come lo S&P 500.

Questi strumenti consentono agli investitori di partecipare alla crescita dei mercati azionari, anche investendo piccoli importi ma ottenendo una adeguata diversificazione.

Tenete presente che pochissimi gestori attivi hanno sovraperformato i fondi dell’indice S&P 500 per lunghi periodi di tempo.

Fonte: https://dqydj.com

La buona notizia è che Bullsandbears, con il proprio portafoglio, è per il momento tra questi!

Ok il prezzo è giusto?

Ogni giorno il mercato azionario offre prezzi per migliaia di aziende, ma come facciamo a sapere se il prezzo per un particolare business è troppo basso o troppo alto?

Per avere successo come investitori, dobbiamo essere in grado di stimare il valore reale di un’impresa, o “valore intrinseco”, che può essere completamente differente dal suo prezzo di borsa.

Per Graham, il valore intrinseco di un’azienda potrebbe essere stimato dai suoi rendiconti finanziari, vale a dire lo stato patrimoniale e il conto economico.

Ad esempio, nel 1926 Graham scoprì che Northern Pipe Line, una compagnia di trasporti petroliferi, possedeva una obbligazioni ferroviarie che valevano $ 95 per ciascuna delle sue azioni.

Tuttavia, il titolo Northern vendeva solo $ 65 per azione.

Non ci vuole un genio del calibro di Graham per capire dal bilancio di Northern che il suo valore intrinseco era di almeno $ 95 per azione poiché la società possedeva anche altri assets relativi al proprio business.

Graham alla fine portò la gestione di Northern ad allinearsi alla sua visione: Northern vendette le obbligazioni e pagò un dividendo di $ 70 per azione; ovvero un rendimento superiore al 100% dell’investimento iniziale.

Graham e Mr Market

Se tutti gli investitori basassero le loro decisioni di investimento su stime razionali e prudenti del valore intrinseco, sarebbe molto difficile fare soldi nel mercato azionario.

Fortunatamente, i partecipanti al mercato azionario sono esseri umani soggetti all’influenza delle emozioni.

Gli investitori sono spesso soggetti a periodi di eccessivo ottimismo e avidità, che spingono i prezzi delle azioni fino a livelli molto alti.

Gli stessi investitori sono anche vulnerabili a un eccessivo pessimismo e paura, in questo caso i prezzi delle azioni sono spinti al ribasso e possono raggiungere livelli ampiamente al di sotto del loro valore intrinseco.

Graham offre agli investitori intelligenti una soluzione per affrontare le ondate di avidità e paura
.

Secondo Graham: “Fondamentalmente, le fluttuazioni dei prezzi sono importanti per noi investitori, perché ci forniscono un’opportunità di acquistare azioni quando i prezzi calano bruscamente e vendere con profitto quando i prezzi salgono molto. Per tutto il resto del tempo, possiamo dimenticarci del mercato azionario “.

Fonte: http://www.danzigercartoons.com

Se ci pensate, l’atteggiamento di Graham verso le fluttuazioni del mercato, ovviamente, ha perfettamente senso.

Riuscite a immaginare di aspettare per acquistare un televisore fino a quando il suo prezzo è aumentato, e rifiutarvi di acquistare lo stesso televisore quando è in sconto?

Ovviamente lo definireste come un comportamento strano; tuttavia ciò che è palesemente irrazionale nella maggior parte degli aspetti della vita è comune nel mercato azionario.

Graham è riuscito a sintetizzare la sua filosofia sulle fluttuazioni del mercato nella famosa parabola di Mr. Market.

Graham immaginava il mercato come uno strano signore di nome Mr. Market, partner negli affari. Mr. Market appare ogni giorno, inesorabilmente, e propone prezzi ai quali si offre di comprare le tue azioni oppure di venderti le sue

Poichè il povero signore soffre di incurabili problemi emozionali, i suoi prezzi sono altamente instabili. A volte si sente euforico e i prezzi che propone sono molto alti.

Altre volte è depresso e non vede altro che guai futuri per i suoi affari e per il mondo intero. In questo stato d’animo, propone solo molto bassi.

Mr. Market ha un’altra importante caratteristica: non gli importa di essere ignorato.

Se le quotazioni che propone non sono di tuo interesse, tornerà il giorno successivo con altre proposte.

La scelta di concludere un affare spetta solo a te.

Con queste condizioni, più alti sono gli sbalzi di umore di Mr Market e più come investitori possiamo trarre vantaggio da questa situazione.

Per farlo però, dobbiamo servirci di Mr Market e non farci influenzare da lui.

Vediamo quindi alcuni semplici consigli da seguire per iniziare a “trattare” con Mr Market.

Il margine di sicurezza

Se avessi chiesto a Graham di distillare il segreto del suono investendo in tre parole, avrebbe risposto “margine di sicurezza“.

Queste sono ancora le tre parole giuste e rimarranno tali finché gli investitori non saranno in grado di prevedere con precisione il futuro.

Investire con un margine di sicurezza significa ad esempio pagare 60 euro per qualcosa che riteniamo possa valere 100 euro.

Come Graham ha ripetutamente avvertito, qualsiasi stima del valore intrinseco si basa su numerose ipotesi sul futuro, che è improbabile che siano completamente accurate.

Pertanto, investire con un margine di sicurezza, ci mette al riparo dagli errori inevitabili nelle tue previsioni ed eventi imprevedibili che potrebbero alterare il panorama del business.

Fonte: https://www.hvst.com

Ricorriamo ancora una volta ad un esempio della vita reale e pensate, se vi venisse chiesto di costruire un ponte sul quale passare 10.000 chili di camion. Lo costruireste per sopportare esattamente 10.000 chili? Certo che no – avreste costruito il ponte per sostenere 15.000 o 20.000 chili.

Questo è il margine di sicurezza.

Conclusioni

Quando Benjamin Graham è morto nel 1976, Warren Buffett ha scritto questo sugli insegnamenti di Graham: “In un settore in cui tutto sembra molto sciocco poche settimane o mesi dopo la pubblicazione, i principi di Ben sono rimasti solidi – il loro valore spesso apprezzato e compreso meglio a seguito delle tempeste finanziarie che hanno demolito le strutture intellettuali più fragili”.

I suoi consigli e insegnamenti hanno portato ricompense eccezionali a chi li ha seguiti, senza che questo richiedesse capacità intellettuali sopra la media.”

Le parole di Buffett rimangono innegabilmente vere anche oggi.

Investire è spesso questione di disciplina, pazienza, preparazione e buon senso; e gli investitori che seguono i principi di Graham continueranno a raccogliere risultati positivi sul mercato azionario.

Alla prossima!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *