La smart home secondo Google e iRobot

La smart home perfetta? Google e iRobot la stanno preparando per voi!

Vi avevamo già parlato in tempi “non sospetti” della smart home e di come gli aspirapolveri-robot potessero incamerare più dati sensibili… che acari!

Ebbene, anche Google sembra essersi resa conto del potenziale di questi dati.

La società di Mountain View (GOOG) sta infatti lavorando insieme a iRobot (IRBT) per sfruttare i dati spaziali generati dagli aspirapolveri robotici.

iRobot permette la mappatura delle case degli utenti, per consentire loro di personalizzare il programma di pulizia. Fonte: sito iRobot

Perché? 🤔🙄🤔

Le due aziende affermano che l’obiettivo è quello di rendere le case intelligenti più “pensanti” sfruttando il set di dati unico raccolto da iRobot: le mappe delle case dei clienti.

L’ultima versione di Roomba di iRobot crea mappe utilizzando una combinazione di dati odometrici (che misurano la distanza di movimento delle ruote del robot) e immagini a bassa risoluzione della telecamera.

Le mappe risultanti possono essere utilizzate per creare programmi personalizzati o per consentire agli utenti di chiedere a Roomba di pulire stanze specifiche.

Comodità o tutela dei dati?

L’integrazione con Google Assistant consente ai clienti di impartire comandi verbali del tipo: “OK Google, dì a Roomba di pulire la cucina“.

Google e iRobot affermano che questi dati saranno utili per coordinare altri smart devices domestici.

Le mappe potrebbero essere utilizzate per localizzare prodotti come l’illuminazione Wifi-connected, ad esempio, assegnando automaticamente nomi e posizioni alle luci nelle diverse stanze dei clienti.

Il robot-aspirapolvere renderà la smart home ancora più integrata grazie ai sensori e gli algoritmi

Il sistema di visione artificiale di iRobot si chiama vSLAM, un adattamento visivo delle costose tecnologie laser per la “Localizzazione e mappatura simultanea” che vengono utilizzate in alcune auto a guida autonoma. L’utilizzo di webcam a basso costo è la chiave per rendere il prodotto iRobot accessibile per i consumatori. Mentre il bot “passeggia” tra le stanze e i corridoi, le sue telecamere si collegano a un server cloud in grado di gestire i calcoli complessi necessari per estrarre una planimetria dal flusso di immagini.

Bonus: esiste una variegata tipologia di veicoli a guida autonoma!

“L’assistente apprende solo i nomi che le persone assegnano alle aree di casa propria, in modo da poter poi dirigere l’iRobot in quella zona”, afferma Google.

Non riceviamo alcuna informazione sul layout della casa o su dove si trovino le differenti aree”.

Affermazione credibile?

Le planimetrie sviluppate dall’aspirapolvere-robot permetteranno agli utenti di mappare la posizione dei dispositivi smart “sparpagliati” per casa.

Cosa dicono i diretti interessati

Colin Angle, CEO di iRobot, ha affermato che la collaborazione pone le basi per le future case intelligenti.

“L’idea è che quando dici: ‘OK Google, accendi le luci in cucina‘, devi sapere cosa sono le luci in cucina. E se un giorno nel futuro dirò: “OK iRobot dotato di un braccio meccanico, vammi a prendere una birra“, il robot deve sapere dove sono la cucina e il frigorifero”.

Michelle Turner di Google dice che il sogno non è solo quello di creare una casa intelligente, ma una “casa pensante” che richiede meno input da parte degli utenti e si adatta ai loro desideri e bisogni.

E la privacy?

L’idea di Google di utilizzare i dati sulle case degli utenti appare a molti preoccupante.

Anche se Google non è certo la peggiore in termini di data leaks (vero Facebook?FB), ha comunque già avuto grattacapi.

Proprio questo mese, ad esempio, l’azienda ha ammesso di aver esposto i dati personali di circa 500.000 utenti di Google+, portando alla chiusura della piattaforma.

The terrific smart home duo

Google Home + iRobot: terrific duo

iRobot ha anche detto in passato di voler utilizzare i dati spaziali raccolti dai suoi dispositivi esclusivamente per rendere la smart home più facile da utilizzare.

Angle sottolinea che la condivisione di queste informazioni è volontaria.

Se possiamo aiutare l’ecosistema di Google a comprendere meglio la casa – con il pieno permesso degli utenti e la possibilità di recedere – allora possedere un Roomba potrà rendere la smart home (ancora) più intelligente“, dice. “O anche più pensante“.

C’è di che preoccuparsi?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *