Zippin sfida Amazon

Zippin sfida Amazon: Davide contro Golia o… too big to challenge?

La startup Zippin aprirà il prossimo mese uno store che sfiderà tecnologicamente il ben più noto Amazon Go del gigante di Seattle.

La sfida tra negozi “senza cassa” sembra pronta a partire, ma anche i consumatori lo sono?

Lo sfidante Zippin

Circa 8 mesi dopo che Amazon (AMZN) ha aperto il suo primo negozio senza cassa Amazon Go a Seattle, la startup di San Francisco Zippin ha lanciato una piccola demo pubblica che dovrebbe trasformarsi in un vero e proprio convenience store interamente AI (Artificial Intelligence) oriented entro la metà di Ottobre.

Come Amazon Go, Zippin si affida a sofisticate telecamere per tracciare i movimenti dei clienti.

Tuttavia, utilizza anche sensori a scaffale per garantire che il sistema registri accuratamente gli articoli selezionati dai clienti.

Cosa ne pensa il CEO?

La frustrazione dei consumatori (USA) per l’attesa alle casse, sta guidando un’ondata di richieste tra i rivenditori desiderosi di fornire un’esperienza di vendita al dettaglio senza attriti“, ha affermato il fondatore Krishna Motukuri.

A fronte di vendite annuali dei negozi di alimentari, convenience store e ristoranti a servizio rapido per un totale di quasi 1,6 trilioni di dollari nei soli Stati Uniti, crediamo che ci sia una notevole opportunità di mercato da perseguire“.

Nessun (lavoro) è al sicuro… Il cassiere ancora meno!

Zippin contribuirà ad azzerare (o quasi) il "mestiere" di cassiere

Fonte: paper di Oxford The future of employment

Al momento, Zippin – che ha aperto in fase beta due settimane fa a San Francisco – presenta alcuni scaffali per gli snack, due frigoriferi e altre opzioni di “grab-and-go”.

Ma l’azienda prevede di espandersi a breve con un vero e proprio minimarket senza cassa da 200 mq, il che renderebbe questo concept store il primo negozio cashierless a San Francisco.

Il mercato potenziale, i concorrenti e gli sviluppi

Il debutto di Amazon Go a Gennaio sembra aver acceso una scintilla.

Juniper Research stima che le transazioni cashierless raggiungeranno i 78 miliardi di dollari entro il 2022, rispetto ai 9,8 miliardi di dollari previsti nel 2017.

Fast Company riferisce che Zippin è il primo concorrente di Amazon Go ad aprire, anche se già altri retailer hanno testato una tecnologia simile a quella di Amazon Go (Walmart – WMT e Albertsons).

Come funziona Amazon GO?

Sistemi simili sono in fase di sviluppo da una serie di startup di San Francisco, tra cui Inokyo e Standard Cognition.

Queste aziende stanno cercando di risolvere uno dei principali “punti di frizione” della consumer experience al supermercato, la fila alla cassa.

Secondo Zippin, negli Stati Uniti i clienti sprecano quasi 37 miliardi di ore all’anno in coda.

Zippin integra il software proprietario con l’hardware, che include una combinazione di telecamere a soffitto e sensori intelligenti per scaffali.

Zippin si concentra su spazi commerciali più piccoli, mentre la startup israeliana Trigo Vision afferma di essere in grado di poter scalare la tecnologia fino alle dimensioni di un negozio di alimentari a grandezza naturale.

Ciò significa che la tecnologia senza casse potrebbe potenzialmente farsi strada in tutti i segmenti della vendita al dettaglio prima del previsto, con un rapido impatto sul comportamento dei clienti.

Recenti indagini hanno indicato che il 75% dei consumatori sarebbe interessato ad acquistare in un negozio Amazon Go se fosse nelle vicinanze.

Quanto costa attrezzare un negozio con la soluzione Zippin?

Motukuri stima che un convenience store che utilizza questa tecnologia – completo di telecamere, sensori di scaffale e installazione – potrebbe costare tra i 20.000 e i 25.000 dollari.

Zippin opererebbe applicando un canone mensile.

Offrendo la piattaforma pressoché a qualsiasi tipo rivenditore a un costo relativamente basso, Zippin potrebbe rappresentare la pioniera che farà conoscere la tecnologia cashier-less alle masse.

Come risponderà Amazon a questa minaccia?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *