Fitbit dispone di oltre 150 miliardi di ore di dati

150 miliardi di ore di dati cardiaci? Fitbit conosce il cuore meglio di noi stessi

Dopo la startup che vuole analizzare il nostro DNA, e la raccolta di dati da parte dei robot-aspirapolvere, parliamo oggi di Fitbit, tra le più importanti società che commercializzano fitness devices.

Ma gli smartwatch e le moderne fitness band (di Fitbit – FIT, ma non solo) sono in grado di tenere traccia del battito cardiaco in modo continuo, giorno e notte, per mesi.

Cosa si potrebbe imparare se qualcuno potesse raccogliere tutti questi dati da decine di milioni di persone?

Continua a leggere

Hammacher Schlemmer sfida Amazon

L’azienda più strana del mondo? Tiene testa ad Amazon!

Stiamo parlando di Hammacher Schlemmer, azienda famosa per i suoi prodotti eccentrici e stravaganti presentati tramite un catalogo spedito a casa, ogni anno, agli americani.

Si tratta della più classica delle vendite per corrispondenza (vi ricordate Postalmarket?).

Continua a leggere

Una startup basata sui biscotti? Sbriciolata!

Dopo aver già condiviso le negative esperienze delle startup food based Juicero e Teforia, è oggi la volta di Doughbies.

Continua a leggere

Le zip : un'invenzione inizialmente sottovalutata

La zip ovvero… anche le innovazioni inizialmente possono fallire

La zip (o cerniera) solitamente non richiama molta attenzione, pur potendola trovare cucita in jeans, giacche, copricuscini, borse, bagagli e innumerevoli altri oggetti di uso quotidiano.

Per questi capi e oggetti risulta indispensabile e onnipresente.

Nonostante ciò, si stima che il numero di chiusure lampo utilizzate nei processi produttivi ogni anno negli Stati Uniti sia pari a 4,5 miliardi. Si tratta di circa 15 cerniere per ogni americano ogni anno!

Continua a leggere

Il mercato della birra è maturo e concentrato: come si svilupperà la crescita?

Il futuro della birra è… Meno birra?

Probabilmente no, ma i conglomerati mondiali della birra potrebbero ormai aver raggiunto una tale stazza da non poter far altro che entrare in nuovi settori.

Continua a leggere

I robot in cucina: novità o fallimento?

I ristoranti gestiti dai robot nuoceranno al settore della ristorazione?

Avevamo già parlato dei robot (qui e qui) e delle dinamiche innovative all’interno del settore della ristorazione (qui).

Torniamo sull’argomento per commentare l’apertura a Boston, avvenuta il 3 Maggio scorso, di un ristorante che fa esclusivamente cucinare i robot.

Continua a leggere

Il Soylent promette di rivoluzionare il modo in cui ci cibiamo

Soylent, la startup che vuole ribaltare il concetto di pasto

Dopo l’analisi di alcune hardware startup (Juicero e Teforia), vi proponiamo una business story davvero particolare, sia per il prodotto sviluppato da questa startup losangelina (Soylent), che per il fatto che BullsandBears.it ha testato direttamente il prodotto (ben tre anni fa, come sempre in anticipo sui tempi, almeno quelli italiani!).

Ma andiamo con ordine: com’è nato e cos’è questo Soylent?

Continua a leggere

I numeri dietro l’unicorno WeWork: disruptive, high risk o entrambe le cose?

WeWork è una startup che affitta spazi per uffici e aree di coworking a piccoli team imprenditoriali e imprese che necessitano temporaneamente di spazi per uffici (tra queste Microsoft – MSFT, Spotify – SPOT, Deloitte, Sprint – S, e altre).

Le location sono distribuite in tutto il mondo (in Italia non sono ancora presenti), con una presenza più capillare negli USA. Continua a leggere

Amazon e Bezos all'attacco del futuro

Un’anteprima del futuro di Amazon… direttamente da Bezos!

Amazon (AMZN) è un’azienda che fa della segretezza una vera e propria missione, ma le recenti parole spese da Jeff Bezos alla conferenza MARS potrebbero far intuire alcune delle direzioni di business che il gigante di Seattle prenderà nel futuro.

Continua a leggere

I 10 principali rischi per l’economia mondiale: c’è da preoccuparsi?

Quando si misurano i rischi a cui va incontro l’economia globale, è facile imbattersi in dinamiche che coinvolgono le principali potenze mondiali.

Nell’ottimo report dell’Economist, di cui trovate qui un estratto, sono gli Stati Uniti, la Cina e l’Unione Europea i principali potenziali “focolai” di crisi.

Ci sono naturalmente anche rischi di matrice regionale e problematiche di più ampio spettro che coinvolgono il pianeta nella sua interezza.

Riportiamo di seguito l’analisi dei 3 più probabili rischi e la sintesi dei rimanenti 7 rischi del 2018.

Continua a leggere